A Edith Stein

Serrone
I giorni scorsi sono stato in uno splendido paesino del Lazio a parlare della filosofa cui ho dedicato gran parte dei miei studi. Per lei, nel momento in cui stavo preparando la tesi, scrissi questi versi che racchiudono in maniera sintetica i tratti della sua esistenza.

 

Ho inserito una appassionata e coinvolta lettura da parte di Laura Aguzzoni di questa poesia nel mio cd “Come l’alba”. La offro a tutti per far memoria di questa grande donna.

 

A EDITH STEIN
In cammino sulle tracce
della tua vita,
ripercorro i sentieri irti
e freschi del tuo pensiero.
Dei sottili palpiti dell’anima,
sottile indagatrice,
dal suo desiderio d’Infinito
sei condotta all’Eterno.
Una Luce trafigge
con i suoi raggi gli altissimi alberi
che formano la foresta
delle tue parole:
È la luce dell’Amato
per il quale
il tuo cuore
arde d’amore.
Di questo amore, testimone,
fino al supremo dono della vita,
oggi, in Lui riposi e
del Suo Splendore risplendi.
Guglionesi 14-4- 1987